Mentre leggi ascolta a basso volume la canzone pop o soul che preferisci, poi spegni e fai partire il player a fine pagina… e alza il volume!

In un negozio di dischi entrano dei tizi abituali, comunemente chiamati clienti. Uno di questi viene spesso vestito in giacca e cravatta, ma anche senza giacca e cravatta il suo stile resta sempre impeccabile. Questo tizio, o cliente, avrà due o tre anni meno di me ma parla meglio di me, si veste meglio di me e fa sempre dondolare le chiavi della sua automobile. Per qualche ragione queste tre cose insieme mi fanno sentire di vent’anni più giovane di lui. Più precisamente io sembro sulla ventina e lui sulla quarantina.

Lui è sposato e ha quel tipo di chiavi – quelle con cui giocherella con sicurezza – che fanno pensare minimo abbia una Bat-Mobile e che addirittura quella sia solo la macchina sostitutiva. La sua Lamborghini è ferma per il tagliando.

confessions 10

La sua giacca, la sua cravatta, le sue scarpe e perfino i suoi occhi sembrano costosissimi. Per essere sincero, io oggi non sono così messo male, anzi indosso i jeans nuovi e una maglietta che mi sono addirittura stirato; ciò nonostante è evidente che non sono un uomo adulto che svolge un lavoro da uomo adulto.

Ma vorrei essere costui? Me lo chiedo perchè avverto una punta di invidia mista a moderato rispetto.

 

Non lo sto denigrando nè penso che lui sia un idiota. Sono più propenso a pensare che tutto ciò sia dovuto a quella vecchia storia della musica pop:

Mi piace perché sono infelice o sono infelice perché mi piace?

Insomma non credo proprio che tipi del genere si mettano a piangere ascoltando Bruce Springsteen – The Secret Garden mentre guardano Jerry Maguire. Hanno cose più serie a cui pensare ed è tutta qui la differenza.

Sembra quasi che se metti la musica, e i libri, e probabilmente i film, e il teatro, e qualsiasi cosa procuri emozioni al primo posto, non riuscirai mai a chiarire la tua vita; men che mai quella amorosa e non arriverai mai a considerarla come un prodotto finito. Forse coloro che vivono protesi verso un apice, e che assorbono emozioni dalla mattina alla sera, non riescono mai a sentirsi semplicemente contenti.

Insomma in questa categoria bisogna essere o disperati o al settimo cielo; e questi sono stati d’animo difficili da raggiungere in una relazione stabile e solida.

Forse Al Green, Curtis Mayfiled e compagnia bella sono responsabili di molte più cose di quante mi sia mai reso conto.

COMMENTA!